Il Parka

Da Military clothing, a icona sociale, oggi un vero è proprio must have…
1951 – l’esercito degli Stati Uniti introduce un modello di giacca studiato per proteggere i soldati durante la Guerra in Corea, nasce il famoso M51. La famosa  “coda”  studiata per essere legata da dietro a davanti passando sotto il cavallo per proteggere chi la indossava dal vento e la pioggia, finì per perdere il suo scopo funzionale a discapito di un nuovo, acquisito significato sociale. Mentre gli USA consideravano l’M51 come uno scomodo ricordo della Guerra in Corea e lasciavano che si accumulasse in enormi pile pronte a diventare inutili surplus militari, Il Regno Unito diede alla giacca una seconda chance, grazie al movimento Mod. Fu così che la giacca finì per trovarsi al posto giusto al momento giusto: una nuova cultura underground stava per esplodere. Più dei completi sartoriali italiani, più dei desert boots – tuttavia forse meno dei loro scooter – l’M51 e la sua coda al vento rappresentava il manifesto di una ribellione nei confronti dell’istituzione familiare e dello Stato.

3728151108_68af591bb7_o

quad

Quadrophenia
Indossati volutamente oversize, i parka sembravano perfetti per le condizioni metereologiche britanniche: quella miscela di cotone e nylon impermeabile studiata per tenere al caldo ed asciutti i soldati durante la Guerra in Corea, si sposava perfettamente con il clima rigido ed umido della Gran Bretagna. Una volta che il movimento Mod divenne riconoscibile per il loro stile unico, ogni capo del guardaroba era diventato improvvisamente essenziale per essere riconosciuto come Mod. Ancora una volta il fishtail parka aveva perso il suo significato sociale a discapito di un nuovo scopo estetico.

E’ in questo preciso istante che nacque l’icona.

Tags from the story
, , , , , , , , , ,
More from Gianluca Trebbi

LE BELLE DI SOCHI STEMPERANO GLI ANIMI POLEMICI….

Sochi2014 non sarà solo l’Olimpiade Invernale più costosa di sempre, ma anche, e probabilmente, quella...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *