PASTA E BASTA

Gli italiani sono i primi consumatori di pasta al mondo, con ben 25 kg annui a testa, seguiti da venezuelani e tunisini.

Un esempio su tutti che mostra in modo simpatico l’amore che proviamo verso la pasta, ci è offerto dal grande compositore Rossini, il quale si definiva “pianista di terza classe, ma primo gastronomo dell’universo“. Rossini era solito farsi spedire la pasta direttamente da Napoli, e una volta alquanto amareggiato per esserne rimasto senza, scrisse ad un amico lamentandosi molto e infine firmandosi: Gioacchino Rossini Senza Maccheroni.

L’amore verso la pasta si rispecchia nell’inventiva della sua preparazione, non a caso siamo il paese con più di 500 formati di pasta e infinite varietà di paste ripiene. Una ricerca dell’Accademia Barilla ha stilato la lista dei 10 formati più mangiati in Italia:

Al 1°posto..il simbolo per antonomasia della pasta, gli “spaghetti“!

Seguono poi:

penne rigate, l’origine risale al 1865 anno in cui un pastaio di Genova brevettò una macchina che riusciva a tagliare in diagonale la pasta fresca.

fusilli, sembrerebbe che dai territori arabi si siano prima diffuse nel sud dell’Italia e poi su tutto il territorio

tortiglioni

mezze penne rigate

spaghettini

bavette/linguine

pennette

farfalle

rigatoni

Tags from the story
, , ,
Written By
More from booom

GIOVEDI’ GNOCCHI

Mangiati in diversi paesi con le rispettive farine tradizionali, in Italia gli...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *