Milan VS Paris Fashion Week

Febbraio e Marzo sono mesi caldi per chi lavora nella moda, ma anche per influencer e appassionati che non hanno altro pensiero fisso se non queste due parole: FASHION WEEK. Il tour de force parte a New York, prosegue a Londra e Milano e si conclude a Parigi, alla scoperta delle tendenze per l’anno successivo.
Tra Francia e Italia il contenzioso è da sempre aperto: il calcio, la buona cucina, il vino e la moda, forse, prima di tutto. Con i loro marchi storici e i designer icone della moda di tutti i tempi, le settimane della moda di Milano e Parigi competono in quanto a eleganza e attenzione ricevuta.
STYLIGHT ha tratto ispirazione dalla celebre pubblicazione “Paris vs. New York” di Varham Muratyan, ma ha riportato il confronto sul territorio europeo, per mettere la Fashion week milanese e quella parigina a confronto e per confrontare il legame storico che le due città hanno con la moda; per chi si trova ad affrontare quest’esperienza in prima persona o segue con passione e trepidante attesa le vicende, ecco a voi:
Per cominciare, ci vuole energia a sufficienza per affrontare la fitta agenda di appuntamenti: che sia uno shot di espresso in un bar tipicamente italiano o un croissant fumante, osservando i passanti all’interno di uno dei tanto rinomati café parigini.
Uno degli aspetti più entusiasmanti della settimana della moda è la caccia all’ultimo trend: è una lotta tra street photographer, blogger, influencer e coolhunter per la foto esclusiva dell’outfit più sofisticato o originale. Quante foto dello streetstyle milanese avete visto con il tipico tram come sfondo? Per quanto riguarda Parigi, molti dei look da fashion week hanno invece uno sfondo meno urbano: se intravedete un filare di alberi sappiate che si tratta dei Giardini di Tuileries, a pochi passi dal Louvre.
Ci sono poi le sfilate vere e proprie, con gli occhi vigili di giornalisti illustri e ospiti puntati sulle nuove collezioni: è quello l’appuntamento fisso con le personalità in front row, da Candela Novembre a Bianca Brandolini D’Adda a celebrities come Charlotte Gainsbourg e Catherine Deneuve. E, ovviamente, loro. Le Direttrici più temute: Franca e Anna. Non c’è bisogno di dire chi sono!
Ci sono i grandi marchi e i designer iconici che confermano e portano avanti la tradizione nazionale, i volti nuovi e i nuovi incarichi, a causa dei quali vengono versati fiumi di inchiostro sui grandi magazine di moda: prima, durante e dopo. Un esempio per questa stagione sono le presentazioni di due collezioni sotto la direzione di due nuove anime creative: Alessandro Michele per Gucci e Nadège Vanhee-Cybulski per Hermés, che portano in passerella per la prima volta le collezioni donna Ready-to-Wear per gli storici marchi.
Milano nata nel 1958 e Parigi inaugurata nel 1973, le due Fashion Week hanno molto in comune: sono entrambi entusiasmanti e frenetiche ed un’occasione per valorizzare la propria cultura in fatto di stile ed eleganza, appuntamenti storici e cruciali di un’industria, quella della moda, che è parte fondamentale e orgoglio sia del Made in Italy che del Made in France e che è parte integrante della storia di entrambe le città.
Fonte : Stylight.it

Tags from the story
, , ,
Written By
More from Emira M'sakni

Bottega Veneta, wellness and business

Il Green Building Council ha assegnato il certificato LEED 2009 (Leadership in Energy...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *