#Foodography: PIATTI PER INSTAGRAM

In un mio precedente articolo avevo già parlato della famosa la mania di fotografare ciò che si mangia definita #Foodstagram.
E dato che oggi andare al ristorante e non fotografare il piatto è quasi offensivo nei confronti del nostro smartphone e del nostro profilo Instagram, “Catit” un ristorante di Tel Aviv ha pensato di preparare piatti da fotografare e condividere sui social.
Il progetto si intitola Foodography, ed è stato ideato da Catit e Carmel Winery, proprietari del ristorante.
I piatti, creati dallo chef  Mier Adoni, oltre a essere dotati di base per smartphone, possiedono un meccanismo rotante che consente di poter prendere l’angolazione migliore per condividere poi il piatto su Instagram, con l’hashtag #foodography. La rotazione è solo una delle caratteristiche dell’elaborato piatto da studio fotografico, creato con una particolare ceramica che non crea riflessi ed ombre.
Tra i vari piatti, vi è The 360: un piatto gira che su esso stesso permettendo di fotografare il cibo in tutte le sue angolature e fare anche video.
Tutto questo ha un costo: 140 euro a testa per mangiare e fotografare. O fotografare e mangiare, a seconda delle priorità di ognuno.

Tags from the story
, ,
Written By
More from Giusy Peluso

Il quadro che denuncia la violenza sulle donne

Una studentessa americana di 19 anni realizza un’opera per denunciare, ma soprattutto...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *