Prima di morire voglio..

Scrivere sui muri non è sempre proibito.
Candy Chang, artista americana originaria di Taiwan, nel 2011 ebbe una grandissima idea che ha fatto il giro del mondo, e da poco è approdata anche a Torino, Vicenza e Roma.
A New Orleans, nel suo quartiere, esisteva un palazzo abbandonato in rovina e pensò di trasformare uno dei suoi muri in una sorta di lavagna in cui i suoi vicini di casa o chiunque ci fosse passato davanti potesse scrivere ciò che avrebbe voluto fare prima di morire. Fu così che chiese l’autorizzazione per costruire l’installazione e realizzare il suo progetto a cui diede il nome “Before I die”.
Su di esso, con un stencil ha riprodotto centinaia di volte la scritta “Before I die I want to…” seguita da uno spazio vuoto, e lasciato dei gessetti colorati a disposizione dei passanti. Il giorno dopo i muri erano stati riempiti da una miriade di colorati desideri. Qualcuno voleva piantare un albero, qualcun altro essere completamente se stesso, qualcuno vedere la propria figlia laurearsi o avere una seconda possibilità con la ex fidanzata.

Candy Chang, è un’artista ed urbanista focalizzata sulla potenzialità dell’ introspezione e della saggezza collettiva, infatti il suo progetto ha il fine di migliorare noi stessi e le comunità in cui viviamo. Non a caso,

Volevo sapere che cosa era importante per le persone intorno a me e io volevo un promemoria quotidiano

Attualmente, sono ormai oltre 500 i muri “Before I die” in 30 lingue e 60 paesi tra cui Kazakistan, Portogallo, Giappone, Danimarca, Iraq, Argentina e Sud Africa.
L’idea e la sua realizzazione sono diventati anche un libro che raccoglie le foto e i desideri di migliaia di persone.

Tags from the story
, , ,
Written By
More from Giusy Peluso

Il quadro che denuncia la violenza sulle donne

Una studentessa americana di 19 anni realizza un’opera per denunciare, ma soprattutto...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *