L’ AFROBEAT DI FELA KUTI

Fela Kuti nacque in Nigeria nel 1938 da una famiglia colta. Compiuti gli studi al Trinity College of Music intraprese numerosi viaggi e rimase molto colpito dalla forza dei movimenti di emancipazione afroamericani che si erano sviluppati negli Stati Uniti. Tornato nella sua terra decise di unire musica e attivismo politico, convinto che nonostante le difficoltà politiche del suo paese, un’Africa unita e democratica fosse possibile. Fela Kuti era un sostenitore del panafricanismo e del socialismo, combatteva le dittature ( di cui la sua terra, la Nigeria fu lungamente vittima), sostenendo l’esigenza di diritti per tutti.

 Con questo spirito all’Africa Shrine di Lagos ( il suo celebre locale), il venerdì sera si parlava di politica, tutti potevano esprimere liberamente le loro idee….e Fela magari trasformava le proteste in testi di canzoni. Il mix di funk , jazz, salsa, calypso e musica africana lo ha visto tra i primi a suonare afrobeat. Portò la sua musica rivoluzionaria in numerosi tour in Europa e negli Stati Uniti, suonando anche al famoso concerto di beneficenza del 1986 in New Jersey di Amnesty International, accanto a Bono e Carlos Santana. Al suo funerale nel 1997, vittima dell’AIDS, oltre un milione di persone vollero accompagnare la sua bara trasformando il suo nome Fela in ForEver Lives Africa.

Tags from the story
, , ,
Written By
More from booom

SYSTEMA, l’arte marziale che viene dalla Russia

Quando pensiamo alle arti marziali, sicuramente il primo pensiero va alle forme...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *