BOOK: Appuntamento al buio

Una frase dice: “Mai giudicare un libro dalla copertina”.
E’ proprio questo il motto della catena di librerie australiane indipendenti Elizabeth’s Bookshop, infatti nei suoi negozi c’è uno scaffale dove sono esposti libri impacchettati con sopra delle parole chiave, delle frasi o degli aggettivi per descrivere il libro. Insomma, un appuntamento al buio con la cultura dato che i clienti non possono sapere né il titolo, né l’autore del libro.
Il progetto si chiama Blind date with a book, ovvero “appuntamento al buio con un libro”. L’idea è venuta alla direttrice della libreria di Newtown, un quartiere di SidneyMelanie Prosser per far smettere alle persone di giudicare un libro dalla copertina, proprio come dice il popolare proverbio.
L’esperimento ha avuto particolare successo, soprattutto nei periodi di Natale e San Valentino, perché scegliere un libro al buio, secondo la direttrice:

è un bellissimo regalo che ti solleva da ogni responsabilità.

Questa bellissima novità è stata recepita anche in Italia. Carmelo Calì ha ideato, nella sua libreria a Roma, #SfidaAlBuio. Lo slogan è “Porteresti a letto uno sconosciuto?”, ovviamente si vuole così proporre una sfida, un incontro al buio con un libro. Un modo divertente per dare spazio a tutto un mondo editoriale, magari rimasto nascosto. Non si sceglie in base a un marchio editoriale, in base alla copertina, al nome dell’autore, ma si sceglie dando fiducia alla libreria e ai consigli dei librai.

Siete pronti a far si che sia il libro a scegliere voi?

B7eIlwICQAAFak2

arton67706

5145

Tags from the story
,
Written By
More from Giusy Peluso

Pochette a forma di libro

Girovagando in internet, ho avvistato ragazze che avevano una pochette un po’...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *