Hedi Slimane dice addio a Saint Laurent

Dopo gli addii di Massimiliano Giornetti a Salvatore Ferragamo, dei fratelli Capasa a Costume National, di Alber Elbaz a Lanvin e di Raf Simon a Dior, è arrivato anche quello di Hedi Slimane a Saint Laurent.
Le voci che da tempo circolavano nel fashion system sono state confermate: Hedi Slimane dice addio a Saint Laurent. Dopo quattro anni di collaborazione, che ha portato a un riposizionamento del brand a tutti gli effetti, il contratto di Slimane è terminato. La dichiarazione ufficiale di Kering, il gruppo di François-Henri Pinault che è proprietario della maison, è arrivata con una nota di ringraziamento: lo statement ufficiale ribadisce infatti che i successi raggiunti negli ultimi anni segnano un capitolo di grandissima importanza nella storia di Saint Laurent.

Francesca Bellettini, Presidente and CEO di Yves Saint Laurent: “Voglio ringraziare Hedi Slimane per la sua visione e il suo lavoro di riforma di una maison così iconica come Yves Saint Laurent, la direzione intrapresa negli ultimi 4 anni rappresenta un’incredibile e solida base per continuare la sua storia di successo.”

François-Henri Pinault, Chairman e CEO di Kering: “Quello che Yves Saint Laurent ha raggiunto negli ultimi 4 anni è un capitolo unico nella storia del marchio. Sono davvero grato a Hedi Slimane e tutto il team di YSL per aver costruito il cammino che con successo il brand ha intrapreso e che garantirà una sicura longevità a questa leggendaria Maison.”

E ora tutti gli occhi sono puntati su Anthony Vaccarello. Si vocifera infatti che il designer belga sia pronto a prendere il posto di Slimane già dal 1 maggio, e che la sua prima collezione sarà quella della Primavera-estate 2017. Per il momento nulla è confermato… Chi vivrà vedrà… stay tuned!

Tags from the story
, , ,
Written By
More from Emira M'sakni

#MFW Giorgio Armani FW 15

Giorgio Armani conquista le passerelle della #MFW con una collezione FW ’15 che...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *