#USODELDISUSO

Quest’anno mi  è capitata una cosa insolita durante le vacanze di natale, leggevo, e nel mentre, mi sono imbattuta in un paio di parole di cui non conoscevo il significato, così sono andata a fare un po’ di ricerche e ho deciso di proporre questi lemmi per la rubrica #USODELDISUSO: mi sono sembrati perfetti!

La prima parola che dunque voglio proporvi, lettori, è “Squinzia”!

Si usa per riferirsi ad una donna smorfiosa e pretenziosa, anche un po’ civetta; si tratta di un termine gergale, che ha le sue origini, si suppone,  nel personaggio di “Donna Squinzia”, nell’opera teatrale di Carlo Maria Maggi;  parrebbe quindi un gergalismo lombardo, ma cosa insolita per un “modo di dire”,  lo ritroviamo anche nella variante toscana di “squìncia”.

Un esempio del “modo d’uso” ci è fornito dal  Goldoni, nella variante toscana appunto, ne “La donna di garbo”:

«…Tutto il giorno stai da quel formaggiaio, e perché? Per quella squincia della sua serva »

Come sempre lettori, a voi l’ardua lotta per far sopravvivere questa parola!

Written By
More from Emira M'sakni

Rosso

Passione, amore, energia, fine anno a tinte forti. Rosso colore dell’ amore,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *