Il trend della “Visual Art”: intervista a Marco Pirolo

Ciao Spaghettini, qué tal?
Oggi ho una chicca per voi, un’intervista esclusiva ad un giovane artista emergente: Marco Pirolo che subito, bonariamente, mi corregge spiegandomi che è un Visual Artist o che almeno, la critica così lo definisce! Vi starete chiedendo in cosa consiste la sua arte, ne sono certa: principalmente il suo concetto di arte è «cambiare il concetto stesso di arte», in che modo? Francamente un po’ in tutti: Marco si districa tra scultura, pittura, video, fotografia concettuale, installazioni e framework; un artista a tutto tondo, che ci rivela però che la scultura «è quella a cui non posso rinunciare: è un qualcosa che fa esprimere meglio il movimento, il gesto dell’umano, della forza e dell’energia» anche la pittura ha un ruolo fondamentale «perché puoi dipingere sempre, no? La scultura a volte ha dei limiti…» ma «se voglio lasciare un segno, con la pittura è meno evidente che con la scultura». Il filo conduttore se così si può definire, nella sua “vision” è la sfera (presente in tutte le sue opere, ndr) «la sfera rappresenta un po’ l’uomo: viviamo in una sfera, c’è gente che vive correndo dietro ad una sfera, per fare un esempio, (sorride, ndr) per cui siamo condizionati da questa sfera, che è l’ambito in cui ci muoviamo ogni giorno!» La cosa più interessante a mio parere (oltre alla personale filosofia di vita di Marco) è il framework: sono tele “dipinte” con oggetti, colle, resine, fissativi, perlati e colori puri una combo che crea una sorta di ibrido tra pittura e scultura quasi fossero una sorta di bassorilievi. Personalmente quello che più mi ha colpito è Deep Skye (immagine in copertina) di cui a primo impatto sono stata colpita dalla mescolanza di colori: «questo quadro» mi spiega Marco, «che faccio vedere ogni volta dalla parte sbagliata, (ride ndr) fatto in maniera “canonica” mostra che il cielo così come lo vediamo non è abbastanza profondo: una rappresentazione dell’infinito e delle infinite possibilità, in cui c’è una ricorrenza, quasi maniacale, di sfere un po’ a voler dire “siamo rinchiusi, siamo rinchiusi, siamo rinchiusi” ma in realtà queste (le sfere) sono tutte le possibilità che abbiamo!»
In definitiva per Marco l’arte è il modo migliore per raggiungere le persone e dare il via ad una auspicata rivoluzione di coscienza…Affascinati Spaghettini? Allora vi do in esclusiva (ebbene sì) qualche altra info: innanzitutto Marco verrà intervistato a breve da Vanity Fair, e quindi la nostra è una super anteprima: Vanity, non ce ne volere! Ciononostante, Marco ci rivela che contrariamente a quanto ci si aspetterebbe, le domande che più gli rivolgono sono: “quanti anni hai?” “perché hai i capelli rossi?” e “…ma sei italiano?” Dunque sveliamo i misteri; Marco è italianissimo, i capelli rossi li ha da sempre e sorpresa sorpresa, ha 17 anni!
Giovane e talentoso è dunque una delle personalità nostrane emergenti, in un mondo in cui emergere, è la suprema conquista!!

Written By
More from Emira M'sakni

Dejebahood

La scorsa estate, oltre 150 artisti provenienti da tutto il mondo sono...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *