Napoli accoglie IKI – Contemporary Jap Asian Cuisine

15 anni fa, Massimiliano Neri portò a Napoli un pezzettino del mondo del Sol Levante, fu il fondatore di Kukai, nello storico cuore della città, il primo sushi restaurant del Sud Italia.

Oggi, dopo aver collezionato successi e soddisfazioni, accoglie una nuova sfida, questa volta più complessa: non solo cucina giapponese, e non solo cucina in realtà, nel nuovo spazio in via Nardones 103/104: apre Iki Contemporary Jap Asian Cuisine.

“Nel nome di questo nuovo spazio è racchiusa la sua anima e il suo stile. L’ideogramma giapponese “Iki” ha un significato molto positivo, vuol dire nascita e vita di qualcosa di bello – racconta Massimiliano Neri –. È anche espressione di una realtà che incrocia cool e chic, risolvendosi in un lusso semplice, mai urlato. In uno spazio curato nei dettagli, viene accolto il food. I piatti della tradizione giapponese restano in menu ma ci saranno anche portate Jap Asian, ovvero una fusione dei sapori giapponesi con quelli thailandesi, indiani, vietnamiti, cinesi. Ma la novità non è solo nel menu. Cambia completamente il concept e il modo di vivere lo spazio. Restando in argomento food, Iki darà ai napoletani la possibilità di scoprire e amare il food pairing, la tendenza internazionale dell’abbinamento food e drink; e di frequentare Iki anche solo per l’aperitivo a base di cocktail giapponesi studiati ad hoc dal nostro barman Gianluca Morziello. E poi c’è l’arte: ogni mese Iki ospiterà una mostra diversa, alternando grandi nomi a giovani artisti”.

Preziosa spalla nell’ideazione di cotanta concettualità, l’architetto Francesca Faraone. “Iki è uno spazio completamente diverso da Kukai già nel concept – spiega Francesca Faraone –. Qui è possibile non solo pranzare e cenare, ma anche passare qualche ora di relax con un aperitivo o un post cena al bancone del bar. Le parole chiave del progetto sono accoglienza, cura e coccole di chi sceglie Iki. Nella realizzazione del progetto sono stati impiegati materiali preziosi, legno, oro, ottone, marmo, al fine di conservare quell’allure di seduzione che i palazzi antichi, come quello che ospita Iki, mantengono nel tempo. I colori sono bianco, nero, blu ottanio e oro. È stato ideato un privée avvolto nel legno (pavimento e pareti), con cantina a vita e un grande e unico tavolo centrale che con un gioco di vetri e luci crea l’effetto ottico di cerchi concentrici. Un progetto che, grazie all’idea di ospitare opere d’arte, pur conservando arredi, luci e utilizzo degli spazi, non è mai uguale. Diventa l’espressione di una continua evoluzione”.

Anche le divise non sono lasciate al caso, ma sono state disegnate dal celebre designer Francesco Scognamiglio.

Written By
More from Noemi Villani

Magnus Gjoen: an accidental artist

Ricordare e rielaborare, sono due verbi che guardano entrambi al passato, ma...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *