Operazione Gucci

Piaccia o meno, Gucci fa porre delle domande, e se la moda ha una coscienza, Gucci ci interagisce e anche parecchio.

E, se la moda ha una coscienza, sarà probabilmente assopita dalla mancanza di rischi, o meglio, di rischi corsi con cognizione di causa.

Alessandro Michele ha appena trasformato l’headquartier milanese della maison in una sala operatoria, ha ricoperto le pareti di PVC verde ospedaliero e trasformato il seating in una sala d’attesa.

Soundtrack, un elettrocardiografo, per restare in tema.

Perché una sala operatoria? Secondo l’Instagram di Gucci, “Il concetto riflette il lavoro di un designer – l’atto di tagliare, splicing e ricostruire materiali e tessuti per creare una nuova personalità e identità con loro”.

Michele ha stupito la platea facendo sfilare dei cyborg.

A trasformare modelli e modelle in creature ‘post human’ con tre occhi, due teste e cuccioli di drago (ispirato a ‘Legend of the baby dragon in the jar‘), ci ha pensato Makinarium, factory creativa famosa per aver lavorato con Ridley Scott, Danny Boyle e Matteo Garrone per Il racconto dei racconti.

In questo modo è stato portato letteralmente in vita il pensiero alla base della nuova collezione di Gucci. Pare infatti si ispiri alla Teoria cyborg di Donna Haraway, in cui il cyborg è metaforicamente considerato una figura che supera il dualismo di identità, mettendo insieme natura e cultura, maschile e femminile, normale e alieno, psiche e materia.

Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si modifica. Chi diceva che Gucci è sempre uguale non ha mai compreso il valore dell’ispirazione che giace , anzi – quando si parla di Gucci non giace, ma urla-, dietro una collezione.

 

Tags from the story
, , ,
Written By
More from Noemi Villani

Summer Must Have

Pronti per le vacanze? Siete certi di aver messo in valigia tutto...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *