LA NUOVA ERA DI BURBERRY

Il debutto di Riccardo Tisci a Burberry, la sfilata più attesa di questa London Fashion Week

Dopo mesi di attesa, la prima collezione Burberry by Riccardo Tisci è finalmente arrivata in passerella.

Le novità non sono mancate per il debutto del designer italiano, come il nuovo logo e la nuova fantasia monogram, che vede incastrare
le iniziali del fondatore Thomas Burberry.
Il cambio di location, poi, ha dato un’idea di cosa potevamo aspettarci dalla sfilata, invece del quartiere tradizionale di Kensington,
tanto caro a Christopher Bailey, Tisci ha attraversato il fiume per andare in un ex deposito delle Poste sul Tamigi, per l’occasione
trasformato in un labirinto di specchi mobile, di fronte alla nuova ambasciata americana.

La sfilata parte con una serie di look femminili, dove a fare da protagonista è stato il classico trench, tanto caro alla casa inglese.
Tra le modelle Stella Tennant, Jordan Dunn e Kendall Jenner, inoltre le amiche del designer italiano Mariacarla Boscono e Irina Shayk.

Dopo i look femminili arrivano quelli maschili, con abiti sartoriali scuri e ombrelli imbrigliati alle spalle con catene da bici.

La sfilata continua, ma con toni diversi, lo streetwear entra in scena: donne con soprabiti in vinile, giacche in pelle con cinturini in stile
bondage, felpe con cappuccio e mini abiti.
Gli uomini invece con camicie a riquadri ispirati allo streetwear indossati su magliette a maniche lunghe, giacche a vento oversize e
pantaloni, ampi e aderenti.

Riccardo Tisci ha dato sfogo a una creatività nuova per la casa inglese, senza dimenticare la tradizione. I codici estetici parlano alle nuove generazioni con un mood sofisticato.
Anche il modo di comunicare e di vendere porta il marchio del cambiamento con la decisione di mettere in vendita, dopo la sfilata, una collezione limited edition su Instagram e WeChat solo per ventiquattro ore.

More from Francesco D'Arbitrio

Gentleman: Andy Warhol

Si è imposto come icona di un’epoca, capace di travalicare i circuiti...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *