I am a Cool Hunter

 

Ecco a voi l’identikit di una delle figure professionali più importanti di questa in nuova epoca 2.0: il Cool Hunter.


Vi siete mai chiesti dove e come nasce la moda? Per quale ragione, improvvisamente, le vetrine pullulano di capi animalier (come quest’anno) o di jeans scampanati e camicie rigorosamente in tartan? Niente è lasciato al caso.

La moda è “una delle forme tipiche del comportamento collettivo”. Ci sono oggetti che diventano “di moda”, altri no. Ma chi è che sceglie cosa è o non è di moda? In che modo i brand, anche quelli più in voga, scelgono le nuove collezioni da produrre? Da alcuni decenni esiste una vera e propria figura professionale che va a caccia di tendenze. Si tratta dei cool hunter, cacciatori di idee, o meglio cacciatori di “coolness”: uomini e donne dotati di grande spirito di osservazione e di una macchina fotografica.

Il cool hunter traduce i nostri desideri, i nostri bisogni e li rende tangibili. Intercetta e intuisce nuovi modelli di culture e subculture che potenzialmente avranno un grosso appeal per tutti. Il suo lavoro non è semplice: è necessario avere, non solo un taccuino, un grande desiderio di viaggiare, ed una buona conoscenza delle lingue straniere ma soprattutto curiosità, creatività, fiuto e uno sconfinato amore per la fotografia.

Chissà quante volte vi è capitato di essere fotografati da perfetti sconosciuti senza che ve accorgeste! Dietro a quella macchina fotografica potrebbe essersi nascosto un cool hunter alla ricerca di una nuova tendenza, di un nuovo must have. Qualche nuova soffiata da comunicare al brand per cui lavora e che, con tutta probabilità, ritroverete sulle passerelle o nelle vetrine delle boutique di Via Monte Napoleone o sugli scaffali di grandi flagship.

Oggi, il più famoso “street style photographer” si chiama Scott Schuman. Autore del blog “The Sartorialist”, aprì i battenti il 29 settembre 2005 e, grazie al passaparola dei suoi fans (conta circa un milione di follower) e al lavoro svolto per brand come Bergdorf Goodman e Jean Paul Gaultier, è riuscito a diventare contributor di Condé Nast e a diventare consulente per moltissimi brand. Schuman è autore del libro omonimo al suo blog, The Sartorialist , che è una racolta di street style scattati in giro per il mondo, libro che è diventato un best seller praticamente ovunque.

Questa figura, un tempo top secret, è sempre più richiesta nel mondo del lavoro. Infatti vi basta googlare “cool hunter” sulla tastiera e vi appariranno una miriade di corsi specializzati .

Written By
More from Valeria Aiello

STING, concerto all’Etes Arena Flegrea di Napoli

Ha venduto circa 100 milioni di dischi, ha recitato in più di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *