Sara Maino e la sua ossessione per il talento

Oggi vi raccontiamo chi è Sara Sozzani Maino, l’ambasciatrice dei talenti emergenti

Figlia di Carla e nipote di Franca Sozzani,  Sara entra in Vogue Italia per la prima volta nel 1994 come stagista, dopo aver lavorato nella boutique 10 Corso Como, inaugurata all’inizio degli anni 90.

Sara Sozzani Maino è un personaggio-chiave importante del panorama moda ed è un nome che tutti quelli che sognano di lavorare come designer, dovrebbero conoscere.

Nata dalla relazione tra Carla Sozzani e Donato Maino, CEO di 10 Corso Como, Sara ha un destino già segnato. Questo destino si chiama moda.

Capelli nero corvino e carnagione olivastra. Sara Maino fa parte di quegli addetti ai lavori old school che poco vogliono avere a che fare con la patina e la mondanità.
Ha fatto della discrezione il suo modus operandi e del lavoro la sua vera missione.

Dopo più di dieci anni in Vogue Italia, quando nel 2009 nasce Vogue Talents Sara ne diventa Head. Inizia per la prima volta, così, ad occuparsi dello scouting dei designer emergenti.
Vogue Talents non si propone come un semplice allegato di Vogue Italia, piuttosto come un network che ha come obiettivo quello di scovare e sostenere i giovani talenti creativi nelle varie branche del mondo-moda.
Vogue Talents diventa , quindi, una piattaforma in grado di mettere in contatto i designer con la fashion industry. Tutto questo con il benestare di un Dio supremo chiamato Vogue.

Partecipa regolarmente a tutti gli eventi che vanno ‘a caccia’ di nuovi talenti a livello globale ed è spesso membro delle giurie di concorsi di moda come LVMH International Talent Support, Designer’s Nest Award, H&M Award, Berlin Fashion Film Award.
Viaggia in tutto il mondo da una fashion week all’altra ma, ovunque, trova tempo e attenzione da dare alle nuove generazioni di designer.

Il numero di iniziative che portano la sua firma aumenta anno dopo anno: The Next Talents, in collaborazione con yoox.com, Who is on Next? In collaborazione con Alta Roma , che vanta la partecipazione di talenti come Stella Jean e Marta Ferri.

Oggi Sara è Deputy Director Special Projects e Senior Editor di Vogue Italia e rappresenta ancora, nell’era post-Franca Sozzani, uno dei pilastri della redazione che la stessa Franca, fino alla fine della sua vita e della sua carriera da Direttore, aveva scelto di avere intorno a se.

Lo scorso settembre durante la fashion week di Milano, la Camera Nazionale della Moda Italiana ha ufficializzato la sua nomina di “International Brand Ambassador”. Nella strategia di espansione di CNMI, Sara Maino avrà, dunque, principalmente il compito di sviluppare nuove sinergie ed espanderne le relazioni internazionali.
L’obiettivo di CNMI è sempre quello di perseguire i propri obiettivi. Ma questa volta con una maggiore attenzione alle sfide che il sistema della moda è chiamato ad affrontare. Costantemente nel rispetto massimo dei propri valori: sostenibilità, new brands, digitalizzazione e narrazione.

Questo ennesimo incarico importante, consacra ancora una volta quello che era già noto: quando si pensa ad futuro nella moda, la gente che conta pensa a Sara Maino.

Tags from the story
, , , ,
Written By
More from Maria Aversano

“Mia figlia è un’astronave”

il primo romanzo di Francesco Mandelli Uscito lo scorso 13 Novembre, “Mia...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *