CAPODANNO CINESE

Da ieri 5 febbraio sono ufficialmente iniziati i festeggiamenti per il Capodanno cinese.

Dura 15 giorni e si concluderà con la suggestiva Festa delle Lanterne, durante la quale vengono utilizzate infinite lanterne di ogni dimensione dal colore rosso, per addobbare strade, esercizi commerciali e gli ingressi delle abitazioni.

Il Capodanno cinese, celebrato anche in molti altri paesi dell’Estremo Oriente, è la festa tradizionale più importante dell’anno, tanto che i cinesi, in questo periodo, hanno anche sette giorni di vacanza.

L’origine di tale rito secondo alcune fonti, risale ad una leggenda che narra di un mostro di nome Nian che, una volta all’anno, usciva dal suo nascondiglio alla caccia di umani e di bambini. L’unico modo per scacciarlo con successo era l’utilizzo del colore rosso e la ripetizione di rumori forti.

Per questo motivo il rosso è diventato colore per eccellenza del Capodanno cinese, sempre accompagnato da canti, balli, musica, spettacolari fuochi d’artificio e scoppiettanti petardi.

Nella tradizione cinese, ai diversi anni sono ciclicamente assegnati dodici differenti animali: il topo, il bue, la tigre, il coniglio, il drago, il serpente, il cavallo, la capra, la scimmia, il gallo, il cane e il maiale.

Ognuno di questi animali possiede delle caratteristiche particolari che influenzano in modo importante anche i tratti del carattere delle persone nate sotto il loro segno.

Il 2019 è l’anno del maiale, animale già ripreso dalle collezioni moda e beauty, e dalle capsule collection dedicate al Capodanno cinese, da Gucci a Bottega Veneta, passando per Chanel, Dior, Alberta Ferretti ed Etnia Barcelona.

Non solo moda, ma anche arte e spettacolo.

A Milano, da Chinatown fino a via Montenapoleone, oltre alla sfilata del dragone, è in allestimento la mostra “Lio Bolin The invisible man” il famoso artista performer cinese. https://www.montenapoleone.luxury/it.html

Immancabile anche il menu della festa. La carpa e il pesce gatto indicano soldi e abbondanza e vengono serviti fritti o accompagnati da salse speziate.Per riprendere il protagonista assoluto del nuovo anno ecco i gustosi jiaozi, ravioli alla piastra ripieni di pancia di maiale e verdure. Per concludere, la torta dell’anno nuovo, niangao, a base di riso, datteri, castagne e foglie di loto.

Tags from the story
, , , ,
More from Eva Müller-Praefcke

COUS COUS FEST

Il cous cous celebra il mondo in un piatto. Il cous cous...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *