SPECIALE PITTI UOMO 96

Pitti Immagine Uomo, diventa ogni anno una delle mete più importanti per buyer e addetti ai lavori.

Una vetrina che mostra l’evoluzione della moda maschile negli anni. A dare spessore a questa edizione ci sono le foto di Emilio Tini, che ne ha curato la campagna ADV dei saloni. 

Ciò che quest’anno ha ispirato il tema, sono i social network. “The Pitti Special Click” è il fil rouge di Pitti Immagine Uomo 96 che sintetizza l’energia che circola in Fortezza e che improvvisamente trova una direzione.

“La prossima estate a Pitti Uomo le cose da fare e da vedere, le novità e le collezioni in mostra, gli eventi e gli ospiti speciali saranno moltissimi, più che in ogni altra edizione. Tutte a portata di click: parole e immagini da trovare, raccogliere ed elaborare con il semplice tocco di un tasto. Ma lo Special Click di Pitti è qualcosa di più di questo, è qualcosa di più della somma di tutti questi impulsi diversi” 

Agostino Poletto, direttore generale di Pitti Immagine.

Tra gli eventi in programma c’è Armani, che per la prima volta sceglie Pitti per presentare la sua linea streetwear, Armani Exchange. Il brand Karl Lagerfeld, che rende omaggio allo stilista, storico direttore creativo di Chanel, scomparso lo scorso Febbraio. 

Il primo giorno si apre con Salvatore Ferragamo. Ieri sera in Piazza della Signoria ha avuto luogo la prima sfilata dello stilista Paul Andrew, pensata per un traveler riflessivo e sensibile.La sua visione è quella di un sartoriale con accenni di sportswear, caratterizzato dal contrasto tra materiali nobili e poveri, tradizionali e tecnologici.

Anche Givenchy sceglie la città toscana per la presentazione della prima collezione disegnata da Clare Waight Keller. Tra le novità c’è il debutto dell’artista statunitense Sterlin Ruby, con il suo brand S.R.Studio.LA.CA.

MSGM festeggia i suoi 10 anni con una sfilata che è un omaggio all’eccellenza del made in Italy e del gusto estetico del nuovo millennio.

Per la sezione Pitti Italics, presenta la sua prima collezione uomo Marco de Vincenzo,che torna a brillare nel Tepidarium del Roster, una serra all’interno di una villa storica del capoluogo toscano. 

“Pum” è il nome della collezione, parola onomatopeica che sta per colpo o in questo caso azione. Marco de Vincenzo presenta, infatti, un guardaroba dinamico e multi sfaccettato adatto alle sfide di un eroe urbano che si muove sulle onde dell’esclamazione “pum!”.

Nel giardino d’inverno sfilano uomini che alternano pullover geek a pantaloni samurai, a completi dal taglio più classico, trench oversize, stampe pixellate e bermuda in vinile.

Firenze in questi giorni celebra la moda in ogni angolo: Il Gucci Garden in Piazza della Signoria presenta un nuovo allestimento nelle sale della galleria.

Grandi celebrazioni anche in Piazzale Michelangelo, con la grande sfilata organizzata da Carine Roitfeld per i 90 anni di Luisaviaroma, dove 80 grandi firme sfileranno per la prima volta insieme. 

More from Francesco D'Arbitrio

Paris Fashion Week: Le sfilate

Alla terza stagione da direttore creativo di Louis Vuitton, Virgil Abloh punta...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *