In conversation with Sara Bazzoli e Elena Bellusci di SHH Milano

Sara e Elena sono due giovani imprenditrici che hanno incrociato le loro vite per dare respiro ai loro progetti e alle loro idee.
Fondatrici dello Studio Tiche , atelier di set e interior design che si occupa della progettazione e creazione di eventi, allestimenti, interni e shooting fotografici decidono di dar vita anche al brand di lingerie Shh Milano.
Un brand di lingerie fuori dal coro “disegnato dalle donne per le donne” 100% cotone con piccoli messaggi segreti ricamati sopra che vogliono essere svelati.

Qual è stato il vostro percorso individuale prima di iniziare la vostra attività imprenditoriale insieme?
Entrambe proveniamo dalla laurea magistrale al politecnico di Milano, facoltà del design.
Sara ha iniziato la sua esperienza professionale a Sydney e a New York per poi tornare a Milano, lavorando all’interno di studi di interior design.
Elena ha collaborato per diversi anni con uno dei più importanti studi di event design in Italia per poi iniziareun percorso da freelancer che le ha permesso di costruirsi un importante portfolio clienti.
Oggi da quasi quattro anni abbiamo unito le nostre forze e competenze creando Studio Tiche.

Come vi siete conosciute?
Ci ha fatte incontrare un nostro carissimo amico in comune che conoscendo entrambe dichiarò: “Dovete conoscervi e lavorare insieme, sareste perfette!”. E non si sbagliava!

La vostra prima attività condivisa è stato Studio Tiche; uno studio di set e interior design; ci raccontate di cosa vi occupate?
Studio Tiche è l’esatta sintesi delle nostre esperienze lavorative precedenti. I nostri progetti sono prevalentemente allestimenti temporanei, come eventi, installazioni ma anche sfilate, vetrine, shooting foto o video, presentazioni all’interno di negozi e showroom, a cui cerchiamo sempre di dare quell’attenzione al dettaglio tipica dei progetti di interior design. La maggior parte dei nostri clienti fa parte del mondo moda ma abbiamo ad esempiodi recente concluso la progettazione di un ristorante nell’hinterland milanese piuttosto che il restyling di alcuniuffici nel centro città.

Come nasce poi, l’idea di lanciare un brand di lingerie?
Shh nasce quasi per gioco. Volevamo una mutandina in cotone, 100%, e abbiamo visto che non era così facile da trovare! E quindi abbiamo pensato di farle direttamente, con quell’estetica un po’ retrò, discreta ma dannatamente sexy, delle dive del passato, di donne che sanno essere elegantemente irriverenti. Sono dedicate a delle eroine moderne che si adornano con la grazia di una linea bon-ton e romantica, volutamente rotta da messaggi che rivelano un carattere forte e ironico.

Come nasce l’idea del nome “Shh” cosa significa per voi?
Shh è stato scelto proprio per questi messaggi ricamati, da svelare soltanto a chi davvero si desidera, perché si sa, certi segreti sono troppo belli per non essere svelati!

Chi è la donna che indossa le vostre creazioni?

Le nostre ragazze sono donne forti, positive, che sanno di poter sedurre con tanta ironia e una strizzata d’occhio irriverente.
Ci piace dire che il nostro intimo è disegnato dalle donne per le donne. E’ sexy pur essendo lontano dal cliché diuna sensualità più gridata e volgare. Il mood si riflette molto nelle nostre immagini che raccontano sempre unastoria, potrebbero essere scatti rubati nelle giornate delle nostre ragazze!

Avete realizzato una capsule collection per L’Autre Chose come è nata questa collaborazione?
Siamo state contattate direttamente su Instagram dall’AD di L’Autre Chose, quando ancora ci conoscevano giusto parenti e amici! Hanno trovato il nostro taglio molto in linea con quello che sarebbe stata la loro nuova immagine lanciata quest’anno, con la direzione artistica di Nicolò Beretta e ci hanno da subito proposto di disegnareuna capsule da fare uscire con il marchio Shh / L’Autre Chose. Dall’entusiasmo e stupore iniziale tutto questo si è trasformato in realtà e nell’occasione per capire che forse quello che era nato come un nostro divertissement poteva concretizzarsi e diventare un business di un certo rilievo. E così è stato.

Quali obiettivi per il fututo si pone Shh?
Ci piace pensare che il nostro Shh possa diventare qualcosa di più di un brand di abbigliamento intimo, che possa essere uno strumento per comunicare una nuova femminilità, un canale per convogliare tutta la potenza delgirl power nell’affrontare anche tematiche sociali importanti, una vera e propria community.

La vostra lingerie si caratterizza anche per il ricamo di messaggi da scoprire, quale potrebbe essere uno per le lettrici di Spaghetti Mag?
Forse proprio Spaghetti ! Tra l’altro questo anticipa qualche novità che uscirà presto di cui non possiamo ancora svelare nulla! Stay tuned for more!!!

More from Francesca Fausti

A STAR IS BORN : UN FILM INNO ALL’AUTENTICITA’

Bradley Cooper e Lady Gaga in “A star is born” sono il...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *