kenzo

Finchè c’è vita, c’è speranza!

“Il mondo piange, e piangono anche i fiori sulle stampe che abbiamo sviluppato per la collezione. Il mondo è malato, il mondo sta sanguinando, ma è ancora vivo. E finché c’è vita c’è speranza”.

E’ cosi che fa il suo esordio Felipe Oliveira Baptista nella commovente presentazione della nuova collezione Kenzo S/S 2021, presentata a Parigi, con uno show fisico e visibile in diretta streaming sulla pagina instagram del brand.

Una pandemia globale porta con sé cambiamenti nel modo di essere e pensare, di comportarsi, di agire, ti fa crollare tutte le certezze, rendendo instabile presente e futuro.

Di sicuro ha modificato per sempre i nostri paradigmi esistenziali, ma porta con se anche, paradossalmente, dei lati positivi, ci ha reso più umani, ci ha riavvicinato alle nostre origini e ci ha fatto apprezzare il valore della vita e delle piccole cose che davamo per scontato.

E anche il direttore creativo della maison, dal 2019, Baptista ha voluto condividere con il mondo i suoi dubbi, le incertezze, l’evento di Kenzo è stata una sfilata di emozioni contrastanti, i papaveri e delle ortensie d’archivio che sfilano in passerella piangono realmente lacrime create digitalmente, ma allo stesso tempo sono un simbolo di speranza e rinascita.

Kenzo è uno dei primi interpreti del “flower power”, con stampe jungle e richiami alla simbologia della natura e infatti anche questa volta il brand rimarca l’importanza del rapporto simbiontico tra uomo e natura, quello che deve essere il nostro interesse primario è la salvaguardia del nostro pianeta.

Ecco perché in questi giorni Kenzo ha pubblicato  l’annuncio di una collaborazione con il WWF per la salvaguardia delle tigri.

I  riferimenti al mondo animale sono un must del brand e anche nella nuova collezione non manca il riferimento al mondo naturale, che vede protagoniste le api e gli apicultori, ai quali Kenzo si è ispirato per outfit e cappelli, un invito chiaro e deciso  a rispettare il distanziamento sociale e la natura.

Il film ritrae una donna che rispetta le api e prende solo il miele di cui ha bisogno per sopravvivere, in uno dei rapporti uomo/natura più antichi di sempre.

La collezione vive di un dualismo interno contrastante parlando si di distanziamento e protezione, ogni outfit sembra pensato per andare incontro a uno scenario distopico, ma anche di cambiamento, vive di speranza e paura, movimento e staticità.

Il messaggio forte e chiaro dello stilista è che da questo periodo dobbiamo uscirne completamente rinnovati, ma rimanendo sempre  noi stessi, in una versione migliore, da un periodo disastroso dobbiamo riuscire in modo creativo a tenere soltanto le cose migliori girando la situazione a nostro favore.

Nell’ evento parigino siamo proiettati in un alveare selvatico e vediamo sfilare una squadra di apicoltori all’interno del roseto dell’Istituto dei Sordi nel V arrondissement parigino.

Gli ospiti accompagnati all’interno da uno sciame di insetti dipinti sull’esterno dell’edificio e  sono stati accompagnati sotto enormi ombrelloni bagnati da una pioggia leggera, sotto i quali vi erano sgabelli da giardino con una rivista zeppa di icone di insetti e un vasetto di miele del Sacré Coeur.

Un richiamo ancora una volta al concetto di  sicurezza e riparo.

Sfavillanti stampe su eleganti parka di nylon o su grandi abiti di cotone sfilano in sequenza per la collezione uomo e giacche a vento in stile ikat indonesiano, sahariane con tasche multiple worker, o abiti da cocktail con ritagli in maglia tecnica e pizzo, e impermeabili trasparenti sopra le tute in lycra riempiono la collezione donna.

Accessori di sfilata sono gli iconici sandali giapponesi, con suole a bolle, accompagnati a superbe borse secchiello in pelle che avevano al loro interno una seconda ampia borsa di nylon.

Pezzo must di collezione sono i nuovi jeans con grembiuli in denim, e gilet da pescatore radical chic.

Una collezione ispirata al periodo che viviamo e che ci permette di adattarla magnificamente alle nostre esigenze attuali.

Written By
More from GLORIA SAVINO

LEVI’S 2020

Il pantalone più famoso dello streetwear  Ovviamente  parliamo del capo d’abbigliamento che...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *