Gli effetti del Covid 19 sulla bilancia

Come ogni anno, con l’avvento della primavera, donne e uomini iniziano a preoccuparsi della forma fisica in vista della temuta prova costume.

Durante la pandemia è stato bellissimo preparare e mangiare dolci e pizze, ma ora che è tempo di mare e di sole, ci si rende conto del “peso” del lockdown e che forse non era il caso di esercitarsi così tanto nell’arte culinaria. Così si è passati da “come fare il pane in casa” a “come dimagrire in 5 giorni”.

Oggi, infatti, con l’allentamento delle misure restrittive e con l’estate alle porte, la maggior parte dei connazionali, è ricorso al supporto di un nutrizionista e/o di un personal trainer per raggiungere il peso forma desiderato.

Ebbene, è appurato che, in questo periodo, l’italiano medio è più stressato per l’aumento del giro vita che per la crisi economica.

Mettendo da parte l’ironia, il problema dei kg di troppo – ahimè – non è di poco conto. Secondo una recente ricerca, commissionata da Allurion Technologies, il peso rappresenta il primo motivo di insoddisfazione degli italiani.

Lo studio, condotto da YouGov dal 1 al 5 aprile 2021 su un campione di 3051 intervistati, rappresentativi della popolazione italiana dai 18 ai 65 anni, ha rivelato inattesi motivi di stress, priorità e obiettivi per la nuova apertura e per la bella stagione. La quota di connazionali infelici o molto infelici del proprio peso è pari al 40%, seguono la quantità delle relazioni sociali (37%) e la qualità delle stesse (35%), al quarto posto le apprensioni per la situazione finanziaria (34%).  Il 32% degli italiani è preoccupato per il benessere mentale, solo il 22% invece per lo stato di salute fisica.

Tra i motivi di stress che riguardano il proprio corpo al primo posto l’aumento del girovita (23%), quindi la perdita di tono muscolare (16%), solo il 3% degli intervistati è preoccupato per aspetti che riguardano rughe ed estetica del viso, capelli bianchi, doppio mento.

La pandemia ha stravolto le nostre abitudini di vita. Da due anni, ormai, ci ritroviamo a vivere una quotidianità statica caratterizzata da uno stile di vita sedentario, in cui l’elemento di novità nelle nostre vite erano le serie tv o la sperimentazione di nuove ricette (a parte i tamponi).

Proprio il cibo, infatti, è stato un ottimo compagno di lockdown. Ormai, la nuova tendenza è diventata la food routine, frutto di noia, stress, bisogno di consolazione, ansia, e ricerca di tranquillità. Quasi la metà dei connazionali è infatti aumentata in media di 6,5 kg.

Ciò è degenerato in una nuova una cattiva abitudine alimentare, diventata consuetudine durante la pandemia, chiamata craving. La parola inglese indica il desiderio improvviso e incontrollabile di assumere cibo e il 41% degli intervistati la indica come principale causa del proprio aumento di peso nel periodo.

Come spiega Alessandra Freda, nutrizionista a Milano: “Coniugare il nuovo stile di vita e soprattutto smart working con una corretta alimentazione non è facile. La prima regola per contenere porzioni, craving e peso è non fare più cose contemporaneamente. Quando si mangia è bene staccare, concentrarsi sul pasto evitando di consumarlo davanti al computer, scrivere mail, parlare al telefono. Distrarsi equivale a non avere la percezione di aver mangiato e quindi si avranno più stimoli a consumare snack fuori pasto. Altro consiglio è rallentare, masticare con calma anche gli snack è un modo per percepire prima e più intensamente il senso di sazietà”.Infine conclude la dottoressa Freda “E’ bene consumare i due pasti principali completi di proteine, verdure, cereali e approfondire la conoscenza degli alimenti in modo da evitare diete schematiche ed essere invece consapevoli di come, quando e quanto è bene mangiare per controllare la propria salute e il proprio peso”.

Accantonare il craving è possibile mettendo in campo piccole strategie in cucina: non esagerare con i condimenti (è bene limitarsi a 4 cucchiaini di olio crudo al giorno) e con il sale che, se è vero che non fa ingrassare, provoca provoca gonfiore, ritenzione di liquidi e fa salire la pressione del sangue. È consigliabile inoltre fare ricorso ai cd. cibi spezzafame, come l’acqua che disseta e aiuta a riempire lo stomaco, yogurt, spremute e succhi senza zucchero.

Secondo Allurion Technologies, multinazionale americana pioniera nelle tecnologie per la perdita di peso che ha commissionato la ricerca, il 75% di tutti coloro che sono ingrassati durante la pandemia sarebbero stati in grado di cambiare il loro approccio al cibo se solo avessero avvertito un senso di sazietà. Per aiutare chi è in sovrappeso a controllare la fame e perdere i kg in eccesso viene in soccorso l’innovazione tecnologica Allurion introdotta nel 2017 e ad oggi utilizzata in più di 40 paesi: Elipse Balloon, l’unico palloncino gastrico il cui posizionamento non richiede endoscopia, anestesia, rimozione chirurgica, bensì una procedura ambulatoriale indolore della durata di 20 minuti senza uso di sedativi.

Elipse è un approccio innovativo per chi è in sovrappeso e decide di perdere velocemente i kg in eccesso. Con il suo posizionamento occupa gran parte dello stomaco e stimola un senso di sazietà che aiuta il paziente a mangiare meno e a seguire una dieta bilanciata. Si tratta di un sottile palloncino a film polimerico racchiuso in una capsula grande come una pastiglia, facile da deglutire. La capsula è collegata ad un sottile tubicino, una volta ingerita ne viene verificata la posizione tramite una radioscopia e quindi attraverso il piccolo catetere il medico inserisce 550 cc di soluzione fisiologica che riempie il palloncino contenuto nella capsula fino a fargli assumere le dimensioni di un pompelmo. Viene quindi rimosso il tubicino e il paziente può tornare a casa. Dopo 4 mesi il palloncino si apre, liberando nello stomaco il liquido in esso contenuto e viene espulso in maniera indolore attraverso il tratto gastrointestinale. Durante il periodo di collocamento si ottiene una perdita di peso tra il 10% e il 15% del peso corporeo totale.

Per informazioni:www.allurion.com

Written By
More from Giusy Peluso

NOTRE DAME DE PARIS, l’opera popolare moderna più famosa al mondo, ritorna in scena.

Dopo 20 anni, NOTRE DAME DE PARIS, l’opera popolare moderna più famosa al...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *