In conversation with Izumi Ogino

We’ve met Izumi Ogino, creative director of Anteprima, for the 25th anniversary of the brand. I was scared at the beginning, but at first sight she made me quiet with her handshake. Izumi speaks in low voice, her education unavoidably reminds me to her japanese origin. She’s not worried about the conflicts (as contrasts and differences), otherwise she looks for it to solve her esthetic view, and everyday difficulty. Is probably this the secret of her calm and peace? To not look to simple and easy things, but to win through her beloved contrasts? Her poetics is totally espressed through a kimono’s nature, thanks to a beauty not revealed at all, never so evident. We fell in love with her, continue reading to understand

Unusual shapes, asimmetric cuts, fluidity and a main coherence in every collection..  your dresses and your woman come over seasonality trends. Is there a feature which is repeated in avery moodboard?

Yes, it’s it: all the contrasts. I always liked contrast, the women with their contrasts. Person will enjoy the contrast lifestyle.. That’s my target. Because of the contrasts people can enjoy the life more than the flat.

You’re born in Tokyo. How much your japanese origin influences your taste and your esthetic vision?

I think it naturally comes out, I don’t “push” my japanese origin. I think you can see maybe quiet, somehow you can see my collection not loud so much. So japanese taste comes out very naturally. Event the kimono, sometimes, we enjoy inside, not outside: that’s our origin.

What are next summer collection topics and items?

This summer topics are mmmm… maybe the small bag, with the A as celebration of Anteprima logo. Also you can see lot of color separation, the use of plastic, metallic leather.

Last year you won “Tao Award for Fashion”. In which aspect do you feel nearest to italian culture, and in which you are connected more with japanese world?

I think my taste is very international, not italian, not japanese. They can say it (indicando il suo assistente):  I’m very proud of my staff, chinese, japanese, italian, french… it’s an international staff.

What kind of creative director you are with your staff? You’re friendly or strict?

Friendly, Am I friendly? (Izumi and her collaborator look at each other and smile) Also I’m not perfect, sometimes maybe they’re afraid and I say “Are you ok? What can I do?” So I use to be careful.

Can you describe Anteprima’s style with 3 adjectives?

Elegant, even better sophisticated, loving contrasts, and sexy.

You also looks to lifestyle, and food in particular. You’ve a restaurant in Tokyo, “Casa Cucina”, in which you have chosen typical italian food.

Not typical italian, I also use japanese food. For example, I use to serve pizza but with cocoa, it’s a mix. I have a lot of italian friends, and when they come in Japan don’t necessary eat typical italian food. I like to japanese way even in service, even in restaurant seating, so it’s more in japanese style, like a kind of sushi, food is served in front, in japanese way. So a characters mix, my restaurant is always a characters mix.

And now, tell us, do you prefer sushi or spaghetti?

I love spaghetti more than sushi. I import special spaghetti from Gragnano, in south of Italy. My husband told me “You should import this spaghetti”. It was the right choice.

You were the first japanese female designer to join the Milan collection. What are your memories of the period when you were an emergent designer? How did you started? Talk us about your debut.

I remember it was very hard and strong, even I remember two hours I was seating in Camera della Moda office because they not give me the time, the space, until the final moment. Even their telephone was always busy so I went in their office, I stay 2 hours, 3 hours until they coming, it’s a very strong memory because I had no power, I didn’t know  anything. For them I was the first japanese woman. For the first ten years they only give me place or in very early morning in the first day, or very late in final night when everyone had gone to Paris. I was in the beginning or in the last, it was very difficult. I try my best to connecting them. Then they finally gave me a good day, I was placed among the greatest in fashion. I didn’t have big money to invest, so I only try myself connecting people.

Today, all I can do is to be grateful for these 25 years.

Where do you live? And what do you think of Milan?

I’am based in Honk Hong.

Milan is also nice, in the past I had a small house in Brera, but I think it’s very difficult to keep a house in the right way since I not stay too much, and finally I put my house upstairs to the store in Corso Como.

I also have a small house on Como lake, some times ago I also lived in Firenze.

Probably the right answer is that I live among Honk Hong, Tokyo and Milan.

How do you see yourself in ten years? In Milan on in Tokyo?

I would like to improve a lot of lifestyle project. My dream is to have an Anteprima Hotel.

Anyway I think is more easy for me to live in Japan, but not in Tokyo, in Kyoto or in Kanazawa. Tokyo is too modern, I always follow heavy contrasts between old and contemporary aspects in a city.

There, I’d like to put italian restaurant with modern architecture, but with an ancient soul.

The secret is to find a balance.

Izumi, why Hello Kitty?

This time I looked at happy moment, and Hello Kitty is a great hit in China; we produce WiredBag with Hello Kitty shapes, I almost sold 3000 pieces or more. With Hello Kitty we’ve collaborate with Lady Gaga. There is always an affective value, it reminds me of the children’s world, but not only: it’s an evergreen even with Anteprima: here’s a contrast.

Did you sacrifice your personal life for the work?

Yes, I spend long time with my family only in summer. I have a son and a daughter, and three grandchildren. I can always find time for everything, this is the Anteprima DNA: the women’s power.

 

In occasione dei 25 anni di Anteprima, abbiamo avuto il piacere di incontrare Izumi Ogino, direttore creativo del brand, durante la Settimana della Moda di Milano. Avevo una sorta di timore reverenziale bei suoi confronti, che è crollato subito dopo le presentazioni. Izumi è una donna che parla a voce bassa, educatissima come le sue origini lasciano intendere, che non ha paura del conflitto, ma che anzi lo cerca nei famosi contrasti, per risolvere le sue scelte stilistiche e, probabilmente le difficoltà di tutti i giorni. Sarà forse questo il segreto della sua pacatezza? Non cercare le cose semplici, ma sbocciare proprio nelle difficoltà? La sua poetica? Espressa nella natura di un kimono, nel racconto di un’intimità e di una bellezza assoluta mia svelata del tutto. Ci ha fatto innamorare. Leggete l’ intervista e ne capirete il perchè.

Volumi insoliti, tagli asimmetrici, fluidità e leggerezza, c’è una sorta di coerenza in ogni collezione .. i tuoi capi vanno oltre le tendenze stagionali. C’è un aspetto ricorrente nei tuoi mood?

Sì, c’è: tutti i contrasti. Mi hanno sempre affascinata, le donne con i loro contrasti. Le persone che possono godere delle differenze, questo è il mio target. 

Sei nata a Tokyo. Quanto le tue origini hanno influenzato il tuo gusto e la tua estetica?

Io non forzo mai nulla, emergono da sole, naturalmente. Come puoi osservare la mia collezione non è urlata, non è eccessiva, è in qualche modo rilassata. Il gusto giapponese emerge involontariamente in questo senso. Anche nell’iconico kimono, spesso puoi godere delle stampe e dei ricami solo nella parte interiore, quella che voi dedicate alle fodere in genere, quasi mai all’esterno: queste sono le nostre origini. 

Quali sono i capi chiave della collezione Anteprima spring-summer 2018?

Il focus della prossima estate è probabilmente la tracollina con la chiusura ad “A”, come celebrazione del logo Anteprima. Inoltre è presente una particolare scelta cromatica, l’uso della plastica e dei pellami metallizzati.

Lo scorso anno sei stata premiata al “Tao Award for Fashion”.  In quale aspetto ti senti più vicina alla cultura italiana, e in quale sei maggiormente legata al mondo giapponese?

Penso che il mio gusto sia internazionale, non italiano, non giapponese. Te lo possono confermare loro (indicando un suo collaboratore): sono molto fiera del mio staff, si compone di collaboratori provenienti dalla Cina, dal Giappone, dall’Italia, dalla Francia… è internazionale.

Che tipo di direttore creativo sei con il tuo team? Sei severa o amichevole?

Amichevole. Sono amichevole? (Izumi e il suo collaboratore si guardano e sorridono) Anche se non sono perfetta, quando qualcuno è sottotono gli chiedo “E’ tutto ok? Cosa posso fare?”. Cerco di essere attenta.

Descrivi lo stile di Anteprima con tre aggettivi?

Elegante, anzi, sofisticato, amante dei contrasti, e sexy.

Hai interesse anche verso il lifestyle, in particolare verso il cibo. Hai un ristorante a Tokyo,  “Casa Cucina”, nel quale scegli pietanze tipicamente italiane.

Non tipicamente italiane, usiamo anche piatti giapponese. Ad esempio, serviamo la pizza ma con il cioccolato, è un vero mix. Ho molti amici itaiani, e quando mi raggiungono in Giappone non sempre vogliono mangiare ricette italiane. Ho scelto il filone orientale anche nella disposizione di sedute, come se fosse un sushi. e nel tipo di servizio, che avviene difronte al cliente, alla maniera giapponese. I like to japanese way even in service, even in restaurant seating, so it’s more in japanese style, like a kind of sushi, food is served in front, in japanese way. E’ un mix di influenze, quasi multietnico. 

Ma ora ci dica, preferisce il sushi o gli spaghetti?

Amo di più  gli spaghetti. Ne importo di speciali, da Gragnano, nel sud Italia. Mio marito mi disse “devi acquistarli e venderli nel tuo ristorante”. E’ stata la scelta giusta.

Lei è stata la prima designer giapponese donna a partecipare alla settimana della moda di Milano. Che ricordi ha del suo debutto? Come ha iniziato? 

È stata davvero dura, ricordo le ore passate negli uffici della Camera della Moda perchè non mi veniva comunicata una data, lo spazio in cui sarebbe avveuta la sfilata, nulla fino all’ultimo momento. Il loro telefono era sempre occupato così andai alla loro sede e aspettai due, tre ore fino a quando non mi ricevettero, è un ricordo davvero infelice poichè non avevo potere decisionale, non sapevo ancora nulla sul da farsi. Per i primi dieci anni posizionavano la mia sfilata o di prima mattina in primo giorno, o molto tardi nell’ultima data disponibile, quando tutti erano già partiti per Parigi. Ero all’inizio o alla fine, non fu semplice emergere. Feci del mio meglio per mettermi in contatto con chi poteva finalmente affidarmi un posizionamento favorevole. Poi finalmente mi inserirono in calendario tra i grandi della moda. Non avevo molti soldi da investire, cercavo incessantemente di farmi conoscere.

Tutto ciò che posso fare oggi è essere grata per questi 25 anni.

Dove vive? E cosa pensa di Milano?

Vivo ad Honk Hong.

Milano mi piace, in passato ho avuto un piccolo appartamento in Brera, ma non è semplice mantenere  una casa non vivendoci a lungo, e alla fine ho spostato l mia abitazione italiana al piano superiore al mio store in Corso Como. Ho anche una piccola casa sul lago di Como, e anni fa ho vissuto a Firenze.

Credo che la risposta esatta sia che vivo tra Honk Hong, Tokyo e Milano.

Come ti immagini tra dieci anni? A Milano o a Tokyo?

Vorrei dedicarmi ad altri progetti di lifestyle. Il mio sogno è un hotel Anteprima.

Ad ogni modo credo che sia più semplice per me vivere in Giappone, ma non a Tokyo, piuttosto a Kyoto o a Kanazawa. Tokyo è troppo moderna, e io cerco costantemente dei contrasti tra l’aspetto antico e il contemporaneo nelle città.

Lì mi piacerebbe aprire un ristorante italiano, con design moderno ma con un’anima antica. Il segreto è trovare l’equilibrio.

Hai chiuso la sfilata con Hello Kitty, c’è un significato particolare da attribuire a questa scelta?

Il significato sta nei momenti felici, Hello Kitty è un simbolo; Inoltre noi produciamo le WiredBag a forma di Hello Kitty, ne abbiamo vendute oltre 3000 pezzi. Grazie a Hello Kitty abbiamo collaborato con Lady Gaga e molti altri. C’è un valore affettivo, mi riporta al mondo dei bambini ma al contempo è un’icona anche per le donna di Anteprima: ecco un’altro contrasto.

Ha dovuto sacrificare parte della sua vita personale per raggiungere il suo successo?

Sì, trascorro molto tempo con la mia famiglia solo d’estate. Ho un figlio, una figlia e tre nipoti. Ma cerco sempre di trovare il tempo per tutto, questo è il DNA di Anteprima: il potere delle donne. 

Be first to comment