Le Olimpiadi di Stella Jean

La collezione Fall Winter 2018 Stella Jean trae ispirazione dai Giochi della XI Olimpiade di Berlino del 1936, celebrando l’incredibile legame di rispetto ed amicizia fra l’atleta afroamericano Jesse Owens e il tedesco Luz Long.

Il multiculturalismo, tema d’ispirazione principale del brand, si fonde nello sport manifestandosi nel dinamismo dell’avanguardia futurista.
La velocità, la forza e la resa del movimento si dissolvono a contatto con le cromie più inaspettate.
Discipline olimpiche quali la corsa, il nuoto, il canottaggio, la scherma, il salto in lungo, il ciclismo e i tuffi sono impressi in stampe e dipinti colorati ispirati alla tecnica della cronofotografia, sancendo l’incontro fra arti sportive e arti visive.

Le specialità olimpiche prendono vita attraverso i tagli dell’alta sartoria femminile: la maglieria in lana mohair racconta la storia memorabile di Jesse Owens, ricordato con il numero 733 della sua pettorina, mentre i capi in paillettes dorate simboleggiano l’ambito podio, e abiti, bluse e capi spalla sono arricchiti da dettagli con fiori ricamati a mano da artigiane umbre, ad evocare le corone di fiori che adornano i capi degli atleti vincitori.

Gonne affusolate in sbieco anni 30, pantaloni vita alta anni 30, maglieria in color block bicolor con ricami a mano e applicazioni canottieri e dettagli sportivi,  capispalla dal taglio maschile, abiti con la vita segnata, plissettati, tute pantalone in cady e pied-de-poule, maglieria e abiti rappresentanti specialità olimpiche, fiori e il gallo, porte bonheur del marchio, tutto questo è la collezione Fall Winter 2018 Stella Jean.

Come sempre il brand si fa culla di influenze e contaminazioni multiculturali: clutch in papier maché fatta a mano ad Haiti, il kente – tessuto composto da filature in cotone, lino e seta realizzato interamente a mano – proveniente dal Ghana. Il tutto è stato realizzato in collaborazione con associazione Servizio Volontariato Internazionale (SVI) l’associazione opera per promuovere l’empowermentgiovanile nelle aree urbane del Kenya.

 

Be first to comment