Pigneto Film Festival: il cinema a Roma

Dopo il successo della III edizione, anche la IV edizione del Pigneto Film Festival è giunta al termine con grande successo. Organizzato e prodotto da Waldo Event Network e Preneste Pop, sotto la direzione artistica di Andrea Lanfredi, l’evento di quest’ anno si è svolto dal 19 al 25 settembre 2021 presso il famoso quartiere romano del Pigneto.

Andrea Lanfredi - Direttore Artistico PFF
Andrea Lanfredi – Direttore Artistico PFF

Di cosa si tratta?

Il Pigneto film festival è un festival dedicato alla cinematografia italiana ed internazionale, che vede protagonisti cinque giovani filmmaker provenienti da tutto il mondo impegnati per sei giorni di riprese all’interno del quartiere Pigneto.

Pigneto Film Festival

Quali sono stati i luoghi di questa edizione?

Nuovo Cinema Aquila – Libreria Marini – Largo Venue – Cinema Avorio – Nero Gallery – Necci – Fortezza Est.

Quale è stato il contest?

Quest’anno i partecipanti hanno dovuto sviluppare un corto su un tema comunicato loro soltanto il giorno prima delle riprese. Tutti i lavori dei filmmaker sono stati esaminati da una giuria tecnica che ha assegnato pubblicamente il premio al vincitore.

Quali sono stati i volti noti della giuria?

L’attore romano Francesco Montanaro, uno dei volti più noti del panorama romano ed italiano è stato il padrino dell’evento. A valutare le opere in concorso, una giuria composta da importanti esponenti del cinema e della cultura: lo sceneggiatore Nicola Guaglianone (Lo chiamavano Jeeg Robot, Indivisibili, Freaks Out), il critico cinematografico Steve Della Casa, il musicista e compositore Theo Teardo (Lavorare con lentezza, Il divo, Diaz- Don’t clean up this blood),  la regista e sceneggiatrice Paola Randi (Tito e gli alieni, Zero), il regista Enrico Rosati (Gomorra – La serie, Masantonio, Nero a metà), l’attrice Valentina Bellè (Una questione privata, I Medici, Fabrizio de Andè – principe libero, Il Divin codino, Volevo fare la Rockstar), l’attrice Elda Alvigini (L’odore della notte, La verità vi prego sull’amore, I Cesaroni), il direttore della fotografia Fabio Zamarion (Respiro, La migliore offerta, Tolo Tolo)

Quale è stato il programma del Festival?

Il programma di quest’anno è stato ricco di eventi ed iniziative importanti. il 19 settembre il Festival si è aperto con l’anteprima del cortometraggio Bauli In Piazza – Il Racconto (Italia, 2021, 21’) dell’associazione di promozione sociale Bauli In Piazza, formata dai professionisti del mondo dello spettacolo e degli eventi che da marzo 2020 non possono più svolgere la loro professione.

Bauli In Piazza - Il Racconto (Italia, 2021, 21’)

Per la serata finale del 21 settembre invece il Nuovo Cinema Aquila ha ospitato i direttori artistici di alcuni dei più importanti festival italiani del cinema quali: Italian film festival, Festival del cinema africano, Visioni corte film festival, Animaphiix, Clorofilla film festival, Corti sonanti film festival, Umbria film festival, Adriatic film festival, Sicilia queer film festival etc.
 Anche per questa edizione si è riconfermata la collaborazione con una realtà molto nota del cinema romano “Le mujers del cinema”, dinamico e importante collettivo femminile che supporta tutte le donne che lavorano nel mondo dello spettacolo.
Tra gli eventi principali ricordiamo anche la sezione “Incontri d’autore”, a cui hanno partecipato anche Mattia Zecca autore del libro Lo capisce anche un bambino; Nicola Manuppelli con A Roma con Nino Manfredi; Cathy La Torre con Nessuna causa è persa e Valentina Mira con il suo esordio letterario X.

Quali sono state le novità di questa edizione?

Le novità sono state principalmente due: l’aggiunta della sezione GREEN ZONE per tutti i progetti a tematica ambientale, degno di nota la proiezione di “Intrecci Etici” di Lorenzo Malavota e Lucia Mauri del 24 settembre, e la sezione CORTI PISCHELLI per i più piccoli, tenutasi sabato 25 settembre.

Chi è stato il corto vincitore dell’edizione 2021?

Quest’anno il Premio del miglior corto è stato conferito a “Invisibile. Cosa si nasconde dietro l’apparenza” di Lucrecia Cisneros Rincόn, periodista, produttrice e fotografa. Il corto ha vinto tutti i premi della 4° edizione del PFF: miglior corto, miglior colonna sonora, premio del pubblico e miglior performance attoriale. Il Premio per la migliore interpretazione del corto è stato conferito a Meneghetti Marta mentre quello della colonna sonora a Etalband. Il corto vincitore sarà proiettato anche durante la Festa del Cinema di Roma grazie alla collaborazione con Alice nella città.

“Invisibile. Cosa si nasconde dietro l’apparenza” di Lucrecia Cisneros Rincόn

http://www.pignetofilmfestival.com/

More from Debora Vecchio

BACK TO MOON: LA GENERAZIONE CHE NASCE DALLA DISCARICA

Il 2020 ha rappresentato un anno tragico per il settore della moda....
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *